29 aprile 2017

Recensione 'Oltre Le Regole' (Marked Men #1) - Jay Crownover

Ma buongiorno piccoli fringuelli di primavera (?), 
come state? Eh? Come va la vita nei vostri piccoli nidi primaverili? Spero ovviamente bene c:
Ormai aprile è finito (quasi, dai) e ci avviamo sempre più velocemente verso l'estate e quale modo migliore per preannunciare la calda afa d'agosto se non leggere un libro in cui palpitazioni e sbalzi di temperatura sono all'ordine del giorno ;)?
Sto ovviamente parlando del primo libro della serie MARKED MEN, che dovevo iniziare decisamente da troppo tempo, ma ehi! Meglio tardi che mai!
Enjoy!

Trama


Shaw Landon è la tipica brava ragazza di buona famiglia. Sa cosa i suoi genitori si augurano per lei: voti eccellenti, un lavoro come medico, un ragazzo benestante e rispettoso che la conduca all’altare. Eppure, da sempre, Shaw è attratta da tutt’altro. Soprattutto da ciò che è l’esatto contrario di quello che dovrebbe desiderare…
Rule Archer è bellissimo, fa il tatuatore, è sfacciato e arrogante, una luce negli occhi che non sembra promettere niente di buono, ma ha un sorriso capace di sciogliere un iceberg. E soprattutto è abituato a prendersi ciò che vuole. Ogni sera si porta a letto una ragazza diversa, salvo poi non ricordarne neppure il nome il mattino successivo. Rule sa bene che la bella Shaw è rigorosamente off limits, ma sembra diversa da tutte le altre ed è così difficile rinunciare anche solo ad assaggiare quell’invitante frutto proibito…








Copertina Originale:


(Eeeee sarà che il tipo della copertina americana non mi dice niente, ma io preferisco quella italiana, go Italia, go!)

La serie è composta da...
1. Oltre le Regole
2. Oltre noi l'Infinito
3. Oltre l'Amore
4. Oltre i Segreti
5. Oltre il Destino
6. Oltre le Leggi dell'Attrazione


Inter(re)view*:
Buongiorno buongiorno signora Crownover!

Jay: Ehilà a lei, come andiamo?

Bene bene, lei?

Jay: Ti prego non darmi del lei, perchè mi fa sentire vecchissima. Immagino che oggi non siamo qui per prendere un the insieme, no?

Umm, no, per quanto mi piacerebbe molto prendere un the in sua compagnia, non siamo qui per questo, ma per parlare di uno dei suoi libri.

Jay: Tesoro, più che un the in questo momento mi servirebbe davvero una birra, sono in mezzo a una serie di Meet & Greet e sono esausta. Comunque dai, parliamo pure del mio libro, di quale parli? Dell'ultimo? Del penultimo?

Ehm... In realtà del primissimo, Oltre le Regole, è la prima volta che ci vediamo, ne...

Jay: Oh, okay! Non pensavo che esistesse ancora gente che vuole leggere questo libro, che ormai è decisamente datato, comunque okay, spero di ricordarmi ancora la trama nel dettaglio!

Eh, ma - come avrà modo di capire - io ho delle tempistiche molto particolari e con "particolari" intendo lentissime. Comunque iniziamo subitissimo e piantiamola di perdere tempo!

Jay: Ottimo, vedo che siamo sulla stessa lunghezza d'onda: prima facciamo meglio è.

18 aprile 2017

Movie Time: (Non Così Numerosi) Film Visti di Recente


Buongiorno carissimi,
il nostro appuntamento con la mensile e confusionaria lista di film che ho visto nell'ultimo periodo c:

Non sono moltissimi, ma ci sarà parecchio da dire su alcuni di questi, quindi procediamo in ordine cronologico c:

01. La Bella e La Bestia

Rating:
3/5 - MyMovies.it
4,5/5 - Coming Soon

Sinossi (da Comingsoon.it):
La celebre fiaba La Bella e la Bestia torna sul grande schermo in una nuova rivisitazione live-action dell'indimenticabile classico d'animazione Disney del 1991. Villeneuve è un paesino immerso nella provincia francese, dove la vita scorre lenta e monotona. Belle, figlia di Maurice, un eccentrico artista locale, sogna per sé una vita diversa e conta i giorni che la separano da una fantomatica avventura. Un giorno, dopo essere stato attaccato da un branco di lupi sulla strada del mercato, Maurice trova rifugio in un castello in rovina, non sapendo che quel luogo oscuro e misterioso è in realtà la dimora di una temibile Bestia. Il padrone del castello, su tutte le furie per l'intrusione, rinchiude il malcapitato in una torre gelida e Belle, preoccupata, si mette alla sua ricerca. L'unico modo per liberare il padre è prendere il suo posto: la ragazza finisce ospite forzato di quel luogo maledetto, dove gli abitanti hanno le sembianze di oggetti d'arredo parlanti e il loro padrone è un mostro sgarbato e senza cuore. Ma lei, che è di temperamento forte e coraggioso, non si piega agli ordini che le vengono impartiti e non perde occasione per farsi valere. Solo dopo una disavventura nei boschi e un salvataggio tempestivo, la diffidenza iniziale si dissolve e Belle scorge, sotto la spessa pelliccia e l'aspetto animale, il lato più gentile e generoso della Bestia, scopre di condividere con lui la passione per i libri e fra i due nasce una tenera amicizia. Il candelabro Lumière, l'orologio Tockins, la teiera mrs Brick e tutti gli altri, cominciano a sperare che Belle sia davvero quella giusta, la ragazza che con la forza del suo amore potrà spezzare l'incantesimo.

Il Mio Voto:
5/5




Mini-Recensione:
Allora. 
Sono state dette fin troppe cose su questo film, che siano stati scleri deliranti, critiche all'ennesimo rifacimento di un cartone sul grande schermo o complimenti. La mia opinione, così come avrete capito dal voto che ho dato a questa pellicola, è assolutamente positiva.
Tra i particolari che hanno fatto di questo film, il film della VITAH evidenzierei, prima di tutto...
  • Gli effetti speciali. Meravigliosi, dalla prima scena all'ultimo momento.
  • Gli attori (tranne la Bestia). Molto talentuosi e c'è da dire che hanno preso un cast di eccellenza, ma come ho detto poc'anzi la Bestia è stata una delusione: statica, poco espressiva e tra il cast di altissimi nomi della recitazione decisamente il personaggio meno significativo.
  • SOPRATTUTTO I Rimandi. La vera forza di questo film, a mio parere, è che si sa già perfettamente cosa aspettarsi. Quale storia, quali scene e quali canzoni (riprodotte fin nei minimi dettagli, con anche qualche canzone inedita a mio parere superflua), quali personaggi e quali colpi di scena. Chi è andato a vedere questo film avendo più di 15 anni sa perfettamente cos'è La Bella e La Bestia e il punto più a favore di questo riadattamento è che è sorprendentemente fedele all'originale, guida lo spettatore in una malinconica trama unendoci effetti speciali favolosi e un cast di tutto rispetto (tranne la Bestia lol). Ho quasi pianto come una bambina pur sapendo già cosa stava per accadere, perchè è un film dolcissimo, nostalgico e che rende perfettamente tributo al classico disneyano.
Potrei parlare per ore di questo film, di come mi abbia riportato alla mia infanzia, mi abbia ricordato un sacco di bei momenti fin quasi a commuovermi, di come le parole delle canzoni mi tornassero spontaneamente in mente (diciamo il 10% della totalità delle parole, non esageriamo ahah), ma non voglio stressarvi, anche perchè avremo modo di parlarne ancora in futuro con un piccolo piccolo tag ho scovato nella blogosfera.



02. Il Diritto di Uccidere

Rating:
3/5 - MyMovies.it
3,4/5 - Coming Soon
7/10 - FilmTv

Sinossi (da Comingsoon.it):
Protagonista è il colonnello inglese Katherine Powell, che dirige a distanza un'operazione contro una cellula terroristica a Nairobi. Il suo "occhio" sul campo è un drone pilotato in Nevada dal giovane ufficiale Steve Watts, ma quando diventa inevitabile sferrare un attacco entrambi realizzano che anche una bambina innocente finirebbe tra le vittime. Mentre nessun politico nella "war room" londinese vuole prendersi la responsabilità di una decisione, una drammatica serie di eventi fa precipitare la situazione.

Il mio voto:
4,5/5


14 aprile 2017

Hey yo, Publishers! (#8) - Flights and Chimes and Mysterious Times

Miei adorati, salve!
Mi impegno a fondo per rimpolpare il mese di Aprile di post, vista la carenza (sigh). Oltretutto ora noi studenti siamo in vacanza quindi, ehi, approfittiamone!

Quale occasione migliore per presentarvi un libro proprio adatto a questa allegra stagione... Nah, scherzo, oggi parliamo di un altro dei miei libri cupi e misteriosi ^^ e il libro di oggi ha anche un titolo chilometrico: Flights and Chimes and Mysterious Times


Ten-year-old Jack Foster has stepped through a doorway and into quite a different London.

Londinium is a smoky, dark, and dangerous place, home to mischievous metal fairies and fearsome clockwork dragons that breathe scalding steam. The people wear goggles to protect their eyes, brass grill insets in their nostrils to filter air, or mechanical limbs to replace missing ones.

Over it all rules the Lady, and the Lady has demanded a new son—a perfect flesh-and-blood child. She has chosen Jack.

Jack’s wonder at the magic and steam-powered marvels in Londinium lasts until he learns he is the pawn in a very dangerous game. The consequences are deadly, and his only hope of escape, of returning home, lies with a legendary clockwork bird.

The Gearwing grants wishes—or it did, before it was broken—before it was killed. But some things don’t stay dead forever.

-

Il ragazzo di dieci anni Jack Foster ha oltrepassato una porta verso una Londra abbastanza diversa.

Londinium è un posto fumoso, oscuro e pericoloso, casa di fate di metallo maliziose e terribili draghi meccanici che sputano vapore scottante. Le persone indossano occhiali per proteggere i propri occhi, griglie in ottone inserite nelle loro narici per filtrare l'aria, o arti meccanici per rimpiazzare quelli mancanti.

Su tutto questo regna la Lady, e la Lady ha chiesto un nuovo figlio - un perfetto bambino in carne e ossa. Lei ha scelto Jack.

La meraviglia di Jack per le meraviglie magiche e azionate dal vapore di Londinium dura fino a quando non impara che egli è una pedina in un gioco molto pericoloso. Le conseguenze sono mortali, e la sua unica speranza di fuga, di tornare a casa, ha a che fare con un leggendario uccello meccanico.

Il Gearwing (ingranaggio-ala, notate il riferimento) concede desideri - o almeno lo faceva, prima che venisse rotto - prima che venisse ucciso. Ma alcune cose non rimangono morte per sempre.


PERCHE' LO VOGLIAMO IN ITALIA: Intendiamoci, è categorizzato come "libro per bambini", ma con questo setting, questa atmosfera e l'avventura sempre dietro l'angolo, io penso che questa lettura sia adatta a tutte le età, soprattutto ai più nostalgici delle storie dell'infanzia.
Oltretutto non sembra proprio una classica storia per bambini, vero? Insomma: atmosfere cupe, resurrezione di creature morte meccaniche, una società di essere umani meccanici e un po' lobotomizzati... Non so voi, ma non mi aspetterei certo una classica storia di eroi che sconfiggono il cattivo di turno!

Traducetelo tipo nau.

Adieu, una ciambella anche a voi!
#Rainy

12 aprile 2017

Recensione 'Lontano da te' - Tess Sharpe

Buongiorno cari ragassuoli, 
lo so, lo so, è inutile che mi guardate così, con aria diffidente e giudicandomi per l’ennesimo immenso ritardo di questi primi giorni di aprile ç.ç : so perfettamente di essere colpevole e che non ho scusanti, o meglio l’unica che posso portare è la scuola e mi sembra di essere più che banale. Quindi sorvoleremo, come del resto facciamo sempre.

Di che libro parliamo oggi? Come avrete capito dal titolo, ti un libro uscito un po’ di tempo fa, estremamente Y/A, ma che si proponeva di essere anche un thriller, motivo per il quale ho deciso di leggerlo *-*. Quale sarà il verdetto?

Trama

"Non comincia qui. Sarebbe quasi banale: due ragazze terrorizzate nel bel mezzo del nulla, gli occhi sgranati rivolti alla pistola nelle sue mani. Ma non comincia qui. Comincia la prima volta che ho rischiato di morire." Sophie ha solo diciassette anni quando la sua inseparabile amica Mina viene uccisa proprio davanti a lei. E a peggiorare la situazione ci si mettono i genitori, la polizia, gli amici. A causa del suo passato di dipendenza, sono tutti convinti che abbia trascinato Mina in un bosco, a notte fonda, solo per uno scambio di droga poi finito male. Ma la verità è tutt'altra. A Sophie non resta allora che iniziare una solitaria caccia al killer che, però, rischia di diventare pericolosa. E di portare a galla il grande segreto che le due ragazze condividevano: un segreto bello e fragile come una bolla di sapone attraversata da un raggio di sole... Un libro splendido, che mescola atmosfere thriller a emozioni intense e momenti struggenti, con un finale straziante e commovente fino alle lacrime.








Inter(re)view*:
Buongiorno, cara Tess. Finalmente riusciamo a trovare un buco libero per chiacchierare, non ti pare?

Tess: Guarda, hai già espresso le scuse per il tuo evidentissimo ritardo, non serve che le ripeti anche a  me, tanto non hai scusanti u.u .

Caspita, siamo cattivelli, eh?

Tess:  Eh si, a momenti finisci un altro libro e quando trovi spazio per me?! Meglio tardi che mai, per carità…

Suvvia, non portarmi rancore, dopotutto siamo qui!

Tess:   Dammi un buon motivo per cui dovrei sorvolare su tutto e lasciar perdere!

Be’, perché questa recensione sarà piena di commenti positivi che di sicuro ti faranno dimenticare qualche giorno di ritardo.

Tess:  “Qualche”?

5 aprile 2017

Recensione: 'Il Disastro Siamo Noi' (Maddox Brothers #3) - Jamie McGuire

Buongiorno carissimi,
oggi finalmente torniamo a parlare del nostro argomento preferito: libri. Libri, libri e ancora libri!
Ebbene si, oggi giorno di recensione e che recensione: la mia autrice amata-odiata preferita!

Che dire? Cominciamo!

Trama

Falyn ha fatto una scelta difficile rinunciando a una vita di privilegi. Il lavoro come cameriera al Bucksaw Cafè è diventato tutto per lei. Non c’è spazio per altro. Soprattutto per l’amore. Perché Falyn nasconde nel cuore un segreto che non ha mai rivelato a nessuno. Un segreto che l’ha portata lontano dalla sua famiglia e a chiudersi in sé stessa.
Fino al giorno in cui non incrocia uno sguardo speciale come quello di Taylor Maddox. Uno sguardo che, lo sa bene, può portare solo guai. Molte ragazze si sono scottate fidandosi delle sue promesse tradite. Falyn non vuole che questo accada anche a lei. È ancora troppo fragile per cadere nei suoi tranelli.
Eppure Taylor non demorde e la invita a cena. Un rifiuto non è una risposta che un Maddox può contemplare quando è convinto di aver trovato la donna della sua vita. Ed è lì, seduta di fronte a lui, che Falyn intravede una dolcezza dietro quell’aspetto da ragazzo che ottiene sempre quello che vuole. Incontrare la sua famiglia, vedere l’affetto che lo lega ai fratelli Travis e Trenton e alla cognata Abby, la convince ancora di più che Taylor abbia anche un lato romantico. E piano piano sente che delle crepe stanno rompendo la corazza dietro il quale si è trincerata per non rischiare più. Sarebbe facile affidare finalmente a qualcuno il peso dei suoi segreti. Sarebbe facile trovare conforto tra le braccia possenti di Taylor. Ma riaprire la porta del passato è quasi impossibile quando si è creduto di aver buttato via la chiave. Ci vuole coraggio, o forse solo la mano benevola del destino.

Jamie McGuire, la regina indiscussa delle classifiche italiane, torna con un nuovo capitolo della saga dei fratelli Maddox. Dopo lo strepitoso successo della trilogia di Uno splendido disastro e di L’amore è un disastro, l’autrice amata dai lettori di tutto il mondo ci regala una storia travolgente in cui un segreto nascosto si scioglie davanti alla forza dell’amore. Perché solo i sentimenti possono far dimenticare il passato e tingere di felicità il futuro. 
 Copertina Originale:


(Meeeh, non so cosa scegliere. Ovviamente la copertina americana è più bella, ma c'entra poco, ma la ripetizione di "disastro" da noi e "beautiful" nella serie americana - in tutti i libri - sono un pugno negli occhi)

Inter(re)view*:

Ma buongiorno, cara signora McGuire, da quanto tempo?

Jamie: Eh, da un po'! Chissà perchè poi hai aspettato così tanto a leggere questo libro :/. Mi sono quasi offesa, eh?!

Eh, mi devi perdonare, cara (ormai ti do del tu, visto che ci siamo già viste più volte), però ho avuto altre letture più urgenti perchè più arretrate: ormai è un circolo vizioso.

Jamie: Ah, se andiamo avanti così non recupererai mai!

Umm... Mi sa che anziché inventare un dialogo con Jamie McGuire ne sto inventando uno con la mia coscienza...

Jamie: ... Scusami?

Nulla, nulla, cominciamo! Allora, questo libro è il terzo della serie dei Maddox Brothers e ormai abbiamo capito come sono strutturati: "Ehi, ciao, super strafiga misteriosa!", "Ehi, ciao, super strafigo sempliciotto o tormentato - interscambiabile", ci innamoriamo, problemi vari, CI TROVIAMO TUTTI AL MATRIMONIO DI TRAVIS/ABBY, lieto fine
Ormai si sa, dai, non fare quella faccia!

4 aprile 2017

TBR: Aprile 2017

Buongiorno e buon aprile a tutti c:
Allora, come state? Si respira aria di primavera?

Questo mese le uscite non sono molte, tra quelle italiane, ovviamente lo stesso non si può dire di quelle estere che piovono dal cielo come funghi *pfff*

Quindi senza indugio, visto lo scarsissimo tempo che ho a disposizione in questo momento, accingiamoci a stilare una lista delle uscite di questo mese c:

- USCITE NOSTRANE -

01. La rosa del califfo - Renée Ahdieh

Shahrzad è stata la moglie del califfo del Khorasan. Era giunta nella sua dimora con lo scopo di vendicare la morte di altre fanciulle andate in sposa a lui. Poi il suo piano è saltato, Khalid non è infatti il mostro che tutti credono. È un uomo tormentato dai sensi di colpa, vittima di una potente maledizione. Ora che è tornata dalla sua famiglia, Shahrzad dovrebbe essere felice, ma quando scopre che Tariq, suo amore d’infanzia, è alla guida di un esercito e sta per muovere guerra al califfo, la ragazza capisce che deve intervenire se vuol salvare ciò che ama. Per tentare di evitare una sciagura, spezzare quella maledizione, ricongiungersi a un uomo di cui ora scopre di essersi innamorata, Shahrzad farà appello ai suoi poteri magici, a lungo rimasti sopiti dentro di lei…

DATA DI USCITA: 27 aprile








02. The Glittering Court - Richelle Mead

Grande e vasta, che si estende dai palazzi raffinati di Osfrid alla polvere d'oro e alle foreste selvagge di Adoria, Glittering Court racconta la storia di Adelaide, una contessa di Osfridian che si finge la sua serva per sfuggire a un matrimonio combinato e per iniziare una nuova vita ad Adoria, il nuovo mondo. Ma per fare questo, deve unirsi alla Glittering Court.
La Glittering Court è sia una scuola che un'impresa commerciale ed è stata progettata per trasformare le ragazze povere in signore di classe superiore che appaiono destinati a matrimoni potenti e ricchi nel Nuovo Mondo. Adelaide naturalmente eccelle nella sua formazione, e si fa anche un paio di amici: l'impetuosa ex lavandaia, Tamsin, e la bella rifugiata Sirminican, Mira. Riesce a mantenere la sua vera identità nascosta da tutti tranne uno: l'intrigante Cedric Thorn, figlio del ricco titolare della Glittering Court.
Quando Adelaide scopre che Cedric nasconde un pericoloso segreto di per sé, insieme progettano un piano per trarre il meglio dall'inganno di Adelaide. Ma alcune complicazioni sorgono presto, in primo luogo quando attraversano i mari infidi da Osfrid a Adoria, e poi, quando Adelaide cattura l'attenzione di un potente governatore.
Ma nessuna complicazione si rivelerà altrettanto scoraggiante quanto la potente attrazione tra Adelaide e Cedric. Un'attrazione che, se seguita, scandalizzerebbe La Glittering Court e li renderebbe entrambi reietti nelle selvatici terre enormemente inesplorate...

DATA DI USCITA: 19 aprile



03. Grazie per avermi spezzato il cuore - Lauren Layne

Quando Olivia Middleton abbandona il glamour di Park Avenue per una remota città costiera del Maine, tutti danno per scontato che l’abbia fatto per seguire il suo istinto altruista. Ma Olivia nasconde un segreto: lavorare in un’associazione che si occupa del recupero di veterani di guerra non è esattamente un atto di generosità, ma una penitenza. Il problema è che la persona che le viene affidata non è l’anziano triste e riconoscente che si aspettava di incontrare, ma un ventiquattrenne scostante che non ha alcuna intenzione di diventare lo strumento per la redenzione di Olivia. E soprattutto ha uno sguardo che paralizza.
Paul Langdon non ha bisogno che uno specchio gli riveli di non essere più il quarterback che era prima della guerra. Sa che è diventato brutto dentro e fuori e ha deciso che farà di tutto per mantenere la forma di esilio che si è auto-imposto, anche a costo di perdere la sua eredità. Ma Paul non aveva fatto i conti con la splendida ventiduenne a cui è stato affidato, e che gli ricorda fin troppo tutto quello che ha perso e che non potrà mai più avere indietro. Più lei cerca di convincerlo ad abbassare le difese che si è costruito intorno, più è difficile riuscire a tenerla a distanza…
Ora Paul e Olivia devono decidere: saranno in grado di aiutarsi a vicenda o sono perduti per sempre?

DATA DI USCITA: 4 aprile

04. Una splendida bugia - Monica Murphy

Insicuro. Ecco come Owen, il fratello di Fable, si è sentito per tutta la sua vita. Proprio ora che tutto sembrava essere sotto controllo, la sua ragazza Chelsea gli comunica che trascorrerà l’estate lontana da lui. Owen vorrebbe dirle di non andare, ma per Chelsea è un’opportunità da prendere al volo e lui deve supportarla. Se la ama davvero – e lui la ama più di ogni altra cosa – sa che non può e non deve trattenerla.
Ma anche Owen deve cogliere le sue opportunità e ha intenzione di lavorare sodo per riuscirci, esattamente come Chelsea. Il problema è che sembrano non avere più tempo l’uno per l’altra: continuano a promettersi che si vedranno il fine settimana successivo, ma ogni volta la promessa viene infranta… La loro relazione sarà forte abbastanza da resistere ai cambiamenti?

DATA DI USCITA: 2 aprile









05. Seeker #3 : La ragazza del Destino - Arwen Elys Dayton

Per tutta la vita Quin è stata solo una pedina nelle mani del padre. È stata addestrata per uccidere e manipolata per garantire il potere alla sua famiglia. Ma anche adesso che è riuscita a scappare da quel disegno fatto di violenza e inganni, Quin si trova invece di nuovo in trappola, vittima suo malgrado di una trama ordita da secoli, generazione dopo generazione. Nulla può fermare la forza del tempo e del destino, o forse sì. Perché Quin non è più disposta a essere una pedina. Lei è una Seeker. La sua missione è di portare luce nell’oscurità del mondo. Per salvare sè stessa e le persone che ama, dovrà però affrontare la vendetta del passato e i suoi amici, o se non altro morirà provandoci.

DATA DI USCITA: 11 aprile







30 marzo 2017

Liber Horribilis #3: Di Frammenti di Messaggi Poco Costruttivi

Liber Horribilis è una rubrica a cadenza casuale in cui si recensiscono in modo molto ironico, delirante e molto trash libri altrettanto trash e considerati comunemente brutti o che semplicemente non mi sono piaciuti e che non meritano una recensione normale lol.
Buongiorno carissimi tesori miei (?) !
Ne è passato di tempo da quando abbiamo preso in considerazione un libro trash, nevvero? Troppo direi, quindi è tempo di rimediare!

Il libro di oggi, vi anticipo, è un libro che immancabilmente deriva dallo splendido mondo di Wattpad che ci regala molto spesso splendide perle del trash. E' quindi una fanfiction sugli One Direction riaddattata dalle CE per essere proposta al grande pubblico (non entriamo nel merito di queste scelte di marketing delle CE).

Ci tengo a precisare, così come era accaduto per My Dilemma Is You (leggi l'episodio qua), che io ho letto esclusivamente la versione cartacea, riveduta e coretta, mentre quella online era decisamente peggiore e se volete avere un parere sulla fanfiction presente sul sito cliccate > QUI .

Ah, ovviamente stiamo parlando di Mess di Ilaria Soragni, un libro trash non solo per il contenuto, ma proprio per i messaggi poco educativi che fornisce e che ad un target giovane come quello di questo libro non possono essere dati.

DICLAIMER: Prima di cominciare vorrei sottolineare che io non ho ASSOLUTAMENTE NULLA CONTRO ILARIA SORAGNI, adolescente di 17/18 anni che ha scritto questa fanfiction poi pubblicandola su Wattpad, ma che mi limito a giudicare (e si, a criticare) il libro che in quanto prodotto sul mercato può e deve essere soggetto a recensione del pubblico. 


Maryland, USA. Mavis, diciotto anni, viene rinchiusa in un riformatorio, accusata di aggressione. È internata nell’ala Nord della struttura, dove sono reclusi i ragazzi condannati per reati minori. Indossano delle tute verdi, unico colore in un mare di bianco così monotono da stordirla. Anche Mavis ne indossa una e le vengono illustrate le regole del luogo. La prima è “non avvicinarsi alla stanza 105”. Diversa dalle altre, in quella cella è rinchiuso un ragazzo di cui nessuno sembra voler parlare. Mavis sa solo che invece lui indossa una tuta arancione e che non dovrebbe trovarsi lì, bensì nell’ala Est, riservata a chi ha commesso crimini gravi. Il suo nome non viene mai pronunciato e gli altri ragazzi si limitano a chiamarlo 105. Da subito incuriosita, Mavis infrange la prima regola, facendo di tutto per entrare in contatto con lui. Poco alla volta riesce ad avvicinarsi, a scoprire il suo nome, Niall, e a violare il suo silenzio impenetrabile. Fra Mavis e Niall nasce un rapporto sincero, empatico, che se da una parte darà a Mavis la forza di non crollare, dall’altra la travolgerà, preda di sentimenti ancora sconosciuti e in nome dei quali metterà a rischio la sua stessa vita...

Questa recensione sarà decisamente più breve degli altri episodi di questa fantasmagorica serie, perchè di questo libro c'è talmente poco da dire che quasi mi commuovo c': . Il trash però abbonda comunque, non dubitate affatto.

Il modo miglore di riassumere questo libro usando meno parole possibili è senza dubbio: un disordinato collage di pezzi che dovrebbero attaccarsi insieme, ma risultano solamente un insieme frammentario di episodi singoli. Parola chiave: frammentario.

Ovviamente partiamo dall'inizio: la nostra protagonista, Mavis, viene trasferita al riformatorio accusata di aggressione e conosciamo subito i personaggi chiave del romanzo, Zayn, Liam, Louis ed Harry più il bad-boy di turno isolato perchè colpevole di un reato peggiore degli altri e che viene chiamato "105" come una sorta di soprannome che dovrebbe causare timore negli altri detenuti, ma in realtà non si tratta di altri che di Niall.

E subito abbiamo qualche riflessione da fare, nell'ordine:

  1. WTF 1: Maschi e femmine insieme?! Oddio, io non sono mai stata in riformatorio, ma non penso proprio che maschi e femmine siano insieme per tutta una serie di complicazioni che potrete di sicuro immaginare: stupri, violenze, abusi ecc. Quindi mi sembra abbastanza inverosimile.
  2. WTF 2: Perchè caspita Niall è lì?! Lui ha una tuta arancione, segno di un reato gravissimo e dovrebbe proprio essere in isolamento perchè è uno dei criminali peggiori, ma anzichè essere in isolamento come si deve VIENE MESSO CON I COLPEVOLI DI CRIMINI PIU' LIEVI. Cioè il peggiore con i "migliori". Che senso ha?!
  3. WTF 3: Ma sono solo in cinque in quel riformatorio?! Preparatevi, perchè per tutto il libro vedremo 7/8 personaggi di cui 2/3 saltuari; per tutto il resto del tempo gli eroi saranno i membri della nostra band preferita (?) + Mavis.
In questa prima parte del libro ovviamente incontriamo subito uno dei problemi principali di questo bel volumetto: la scrittura. Non dico che sia atroce, perchè la versione cartacea è riveduta e corretta, molti strafalcioni sono stati eliminati e così via, ma l'autrice parte ugualmente per una serie di voli pindarici allucinanti: scrittura poetica a casissimo, espressioni che suonano bene, si, ma che non hanno alcun senso.

24 marzo 2017

Recensione 'Harry Potter e La Maledizione dell'Erede' - J. K. Rowling, Jack Thorne, John Tiffany aka 'be', dai, pensavo peggio'

Buongiornissimo tesorini (?),
è un po' che non ci sentiamo, nevvero?
Oggi parliamo in modo particolarmente rapido e veloce del libro simbolo del 2016: Harry Potter e la Maledizione dell'Erede!

Non sarà una Inter(re)view, perchè è decisamente troppo irrealistico pensare di intervistare J. K. Rowling in persona con Thorne e Tiffany, quindi direi di fare un breve ritorno alle recensioni classiche e non dubitate che tra brevissimo ricompariranno pure le vostre Inter(re)view *ammicca*

Bene bene, senza indugio andiamo a cominciare!

Trama


È sempre stato difficile essere Harry Potter e non è molto più facile ora che è un impiegato del Ministero della Magia oberato di lavoro, marito e padre di tre figli in età scolare. Mentre Harry Potter fa i conti con un passato che si rifiuta di rimanere tale, il secondogenito Albus deve lottare con il peso dell'eredità famigliare che non ha mai voluto. Il passato e il presente si fondono minacciosamente e padre e figlio apprendono una scomoda verità: talvolta l'oscurità proviene da luoghi inaspettati. Basato su una storia originale di J.K. Rowling, John Tiffany e Jack Thorne. Un nuovo spettacolo diviso in parti uno e due. Il volume conterrà in un'unica edizione entrambe le parti.







La recensione (normale, si): 

Mettiamo immediatamente le mani avanti: capisco perfettamente perchè i veri fan di Harry Potter siano rimasti delusi da quest'opera, a me però non è dispiaciuta (nonostante io sia effettivamente una Potterhead). 

*uff, sospiro paziente* Ora cominciamo davvero.

Le aspettative su questo libro erano alte, altissime, colossali, immense. Doveva essere il fenomeno dell'anno e il libro che avrebbe risollevato la saga di Harry Potter donandole ulteriore lustro e prestigio, ma tutti sanno che così non è stato.

Naturalmente nasce come opera teatrale, quindi questo libro è un derivato di uno spettacolo teatrale, un copione diciamo, ed è importante sottolinearlo, perchè spesso si dimentica che J.K. Rowling non ha scritto questo libro di suo pugno, ma ha semplicemente acconsentito a fare un'adattamento dei suoi personaggi a un nuovo contesto, a una nuova trama che prende le mosse 19 anni dopo gli eventi della saga standard. Importantissimo ricordarlo.

Cosa mi aspettavo io da questo libro? Una gigantesca operazione commerciale, ovviamente. Credo di essere piuttosto obiettiva su qualsiasi libro che leggo e in particolare sulla saga di Harry Potter, venerata da mezzo mondo: questa serie ha moltissimi alti, ma anche qualche basso e l'idea di questo spettacolo è decisamente un basso. Sfruttare il gran numero di fan di questa saga per estrapolare i personaggi e portarli in un contesto diverso inserendone di nuovi solo per alimentare il fanservice ed essere sicuri di creare un prodotto di successo è decisamente un insulto alla serie. Quindi le mie aspettative erano bassissime.

18 marzo 2017

Segnalazione #9: milk and honey - Rupi Kaur ~ 10 giorni dopo la festa della donna, troviamo occasioni per parlarne ANCORA

Buongiorno carissimi e carissimE, 
senza ulteriore indugio voglio spiegarvi il titolo di questo post: la festa della donna è passata e come ogni anno niente di nuovo sotto il sole. Quando è arrivata questa mail nella casella di posta non ci ho prestato troppa attenzione, devo dirla tutta, ma oggi ringrazio vivamente la Tea per averci permesso di poter segnalare l'uscita di questo libro. Forse sarebbe stato più giusto segnalarlo l'8 marzo, ma io penso che anche oggi - dieci giorni dopo la Festa della Donna - sia positivo trovare una scusa (in questo caso un libro meraviglioso e molto particolare) per parlare ancora della misoginia, della condizione delle donne nel mondo, della disparità di sessi, così da rendere la Festa della Donna una festa da 365 giorni l'anno c: .

Lungi da me porre riflessioni sulla festa, sulle motivazioni, su grandi tematiche di oggi che riguardano problemi gravi di disparità e inferiorità, vi propongo un libro che penso possa parlare per molte, molte donne.



Data di uscita: 2 marzo

Dicono del libro...

«milk and honey è un libro che ogni donna
– non ogni lettrice, proprio ogni donna –
dovrebbe tenere sul comodino.»
Huffington Post


«Una giovane poetessa si è fatta largo in posti dove non ci si aspetterebbe di trovare una raccolta di poesie – ad esempio nella classifica dei bestseller del New York Times.»
THE GUARDIAN

Parole d'amore, di dolore, di perdita e di rinascita
milk and honey è una raccolta di testi di amore, perdita, trauma, violenza, guarigione e femminilità. Si divide in quattro capitoli: ognuno persegue un obiettivo diverso, tratta una sofferenza diversa, guarisce un dolore diverso.

Dure e commoventi, leggere e sconcertanti, le parole di Rupi Kaur, accompagnate dai suoi disegni, toccano profondamente il cuore di tutti coloro che cercano consolazione e coraggio nella forza della poesia. E della sincerità.

14 marzo 2017

Recensione: 'L'Incastro (Im)Perfetto' - Colleen Hoover aka OKAY, HO CAPITO CHE NON FAI PER ME

Buongiorno miei cari,
oggi come promesso vi propongo eccezionalmente la recensione dell'ultimo libro che ho concluso.
Come avete letto dal titolo e come forse sapevate dai miei precedenti rapporti con questa autrice (questi rapporti e questi rapporti, per intenderci) questa recensione è il capitolo di chiusura dei rapporti tra me e la Hoover, che sono durati decisamente troppo.

Ma andiamo con molto ordine...

Trama


Quando Tate Collins incontra il pilota di linea Miles Archer, sa fin da subito che non potrà trattarsi di amore. A dire il vero, i due non potrebbero nemmeno considerarsi amici, se non fosse che condividono un'innegabile e travolgente attrazione reciproca. Quando scoprono le carte, pensano di aver trovato l'incastro perfetto: lui non cerca l'amore e lei non ha tempo per trovarlo. Cosa c'è di più semplice? L'importante è che Tate si attenga alle uniche due regole che Miles ha imposto: non chiedere mai del passato e non aspettarsi niente dal futuro. Sembra facile, ma non lo è, perché il loro legame si fa sempre più stretto e rispettare i patti per Tate diventa sempre più arduo, fino ad apparirle impossibile. Quella che doveva essere solo una storia di passione travolgente rischia così di trasformarsi in un qualcosa di veramente spiacevole, l'ultima cosa di cui Tate avrebbe bisogno: un amore travagliato e fallimentare.

Copertina Originale:


(Posso dire che la copertina americana non la capisco? Sarò io - probabile - a non capirla, ma mi sembra poco azzeccata. Adoro, invece, quella italiana)

Inter(re)view*:

Buongiorno, cara Colleen. Ah, perchè siamo qua? Che duro compito ci aspetta? Semplicemente chiudere i rapporti. 

Colleen: Buong... Scusami? In che senso?

Nel senso che probabilmente questo sarà il tuo ultimo libro che leggerò. Punto. A meno che tu non crei opere di straordinaria originalità (cosa che mi permetto di dubitare), non penso proprio di riuscire a leggere un altro tuo libro, perdonami.

Colleen: Accidenti, sei diretta ne?!

Scusami, ma la mia sopportazione ha raggiunto il limite. Dunque dunque, che volevo dire? Parliamo di questo libro, ne?

Colleen: Non sono decisamente sicura di voler sapere cosa vuoi da me e dal mio piccolo libricino ç.ç

Iniziamo dalle cose belle allora: in questo libro c'è decisamente un miglioramento.

13 marzo 2017

Segnalazione #8: Di Magia e Di Vento - Silvia Casini

Buongiorno ragassuoli, 
so che è passato tanto tempo dall'ultima volta che ho pubblicato qualcosa decisamente troppo tempo, ma non posso fare altro che scusarmi moltissimo con voi e pregarvi di avere pazienza, perchè probabilmente durerà ancora un po'.
Stanno arrivando delle novità, probabilmente un nuovo look primaverile per il blog, ma non riesco ad essere soddisfatta del risultato, quindi aspetteremo ancora un po', poi vari problemini di salute (non solo miei), casini assurdi tra professori, scadenze, esami... 
Ah, la dura vita di una persona qualsiasi!
So che c'è gente che riesce a conciliare perfettamente blog e vita reale, ma io non ci riesco, quindi di nuovo portate pazienza vi prego ç.ç

E ora che abbiamo finalmente finito questa lunghiiiissima premessa direi di iniziare con la segnalazione c:



Disponibile negli online store dal: 10 marzo

Un romance storico dove realtà e finzione si intrecciano perfettamente per regalare al lettore una storia mesmerica, enigmatica, magica.

Un mistero irrisolto avvolge la famiglia di Luna Ferri. Qualcosa di enigmatico e ribelle, proprio come i suoi lunghi capelli neri, che sanno di vento e libertà, e come Capitan Harlock, il suo gatto fidato. Sarà Ruben Dubois ad aiutarla a risolvere l’enigma, catapultandola nei segreti dell’antico culto dei benandanti. Tra colpi di scena, streghe e viaggi a ritroso nel tempo, Luna troverà l’amore e soprattutto le sue radici, diventando custode di una tradizione mai dimenticata. 
Un ricettario, un saggio, una chiave esoterica, e infine un romanzo. 
Dove si respira magia pura.

Character Poster offerti direttamente dall'Editore: 


7 marzo 2017

#BookTag: TOTALLY DIDN'T Book Tag aka Il Tag per fare gli St***i

Buongiorno buongiorno,
oggi facciamo un tag che se vi ha incuriosito per il titolo del post, tranquilli, ora mi spiego.

Con questo nome (rigorosamente censurato u.u) voglio indicare che in questo tag siamo tutti autorizzati ad essere estremamente precisi, noiosi, polemici e ovviamente st***i: in sostanza dobbiamo solo fare una lista antipatica di cose che non avrebbero avuto necessità di esistere nel nostro piccolo mondo di letture c: .

Dopo questa positivissima premessa direi di cominciare, così vi fate un'idea decisamente più precisa di quello che intendo!


- 1°: TOTALLY DIDN'T NEED TO HAVE SEQUELS -
1°: Di sicuro non aveva bisogno di avere dei sequel.


Eh si.
Il primo libro è una meraviglia, un mondo originale e delle idee davvero belle (non sviluppate perfettamente, ma non importa... O si?), ma i sequel... E soprattutto la fine del secondo libro che da poi libero spazio al disagio del terzo: un grande no.
Se ci fossimo fermati al primo sarebbe andato tutto decisamente meglio.



- 2°: TOTALLY DIDN'T NEED TO HAVE MORE THAN ONE POINT OF VIEW -
2°: Di sicuro non aveva bisogno di avere più di un punto di vista.



Calma, calma, calma.
So perfettamente che lo stile della McGarry è basato sul duplice punto di vista, ma questo libro è probabilmente il peggiore di quest'autrice (e comunque gli ho dato 3,5/5 stelle, quindi rendetevi conto e leggete di questa splendida autrice *^*) e i due protagonisti - essendo passato molto tempo da quando ho letto questo libro - risultano parecchio odiosi alla mia memoria. Sarebbero bastate meno pagine narrate da uno solo (probabilmente lui, perchè lei è decisamente la peggiore lol).




- 3°: TOTALLY DIDN'T NEED TO HAVE A COVER CHANGE IN THE MIDDLE OF THE SERIES -
3°: Di sicuro non aveva bisogno di un cambio di copertina nel bel mezzo della serie.


Ebbene si.
Carissima Editoria Italiana, perchè hai deciso di passare da questo (a destra) a questo (a sinistra), riprendendo si le copertine americane, ma con un dorso monocolore viola di una tristezza allucinante?
Perchè? Semplicemente, perché? Meglio tenere la monocromia del nero con il ghiaccio in sottofondo che questi colori sparaflesciosi a caso... Buh, sarò io che non capisco.