8 ottobre 2015

Recensione Tutte le volte che ho scritto ti amo - Jenny Han

Buongiorno a tutti, miei cari,
comincia a far freschino, ne? Già, già. E mentre qua l'inverno si avvicina lentamente io sono - finalmente, direi - tornata con una nuova recensione c:
Lo ammetto: da quando mi era presa una voglia smodata di leggere questo libro avevo sempre sperato che arrivasse in Italia e quando finalmente ne sono stati comprati i diritti per la pubblicazione ero felicissima al punto che... Sono rimasta lievemente delusa dalla storia... Ma andiamo con ordine c:

Trama

"Lara Jean tiene le sue lettere d'amore in una cappelliera. Non sono le lettere d'amore che qualcuno ha scritto per lei, ma quelle che lei ha scritto, una per ogni ragazzo di cui si è innamorata, cinque in tutto. L'ultimo si chiama Josh, ed è il suo migliore amico nonché, purtroppo, il fidanzato di sua sorella.
Quando scrive, Lara Jean mette tutto il suo cuore sulla carta, raccontando cose che non si sognerebbe mai di dire ad alta voce. Eppure, un giorno, scopre che tutte le sue lettere d'amore sono state spedite. E quel che è peggio, ricevute.
Improvvisamente, la sua vita diventa moto complicata, ma anche molto, molto più interessante..."









La serie
1. Tutte le volte che ho scritto ti amo - ("To all the boys I've loved before" - La copertina è identica a quella italiana, per fortuna, quindi non ve la metto c: )
2. PS: I still love you (prossimamente in Italia)



La mia recensione
Come ho detto le mie aspettative erano alte alte alte, perchè tutte le booktubers che seguo avevano parlato sempre molto bene si questo libro che è impacchettato in un'aura così tenera e graziosa.
Però pagina dopo pagina arrivo a 100/150 e... Cosa? Nulla. Neanche un brivido.
Il libro grossomodo è articolato sulla nostra Lara Jeans che si dimostra abbastanza inetta e incapace, timida e inesperta su tutto perché ha sempre potuto fare affidamento sulla sorella maggiore Margot (Insomma: disciulati, Lara Jean! Per dirla alla piemontese...). Quando le sue lettere d'amore vengono spedite comincia una parte di triangolo amoroso appena accennato che stanca abbastanza, un po' perchè i due ragazzi in questione, Josh e Peter, sono l'uno irrimediabilmente innamorato della sorella Margot e dopo pagina 200 zac! anche di Lara Jean "da sempre" - a quanto dice lui - e l'altro irrimediabilmente non innamorato di lei... O forse si?

"Di tutte le cose che conservo, immagino che le lettere d'amore siano il bene più prezioso. 
Le tengo in una cappelliera verde-azzurra che mia mamma mi comprò in un negozio di abiti vintage in centro. Non sono lettere d'amore che mi hanno scritto, perchè non ne ho. Sono lettere d'amore che ho scritto io. Ce n'è una per ogni ragazzo che ho amato: cinque in tutto. Quando scrivo, mi apro fino in fondo.
Scrivo come se lui non dovesse mai leggere il mio messaggio. E, in effetti, è così che va. Ogni pensiero segreto, ogni attenta osservazione, tutto ciò che ho serbato dentro di me, lo metto nella lettera. Quando ho finito, la sigillo, scrivo l'indirizzo e poi la infilo nella cappelliera.
Non sono lettere d'amore in senso stretto. Io le scrivo quando non voglio più essere innamorata. Servono a dire addio. Perchè dopo che ho scritto la lettera smetto di essere presa da quell'amore struggente. [...] se l'amore è una possessione, forse le mie lettere sono un esorcismo. Le lettere mi liberano. O quantomeno dovrebbero."

Per farla breve lei decide di fingere di essere la ragazza di Peter per evitare l'imbarazzo di dover parlare con Josh - che si è appena mollato ups! con la sorella Margot - della sua lettera d'amore appena ricevuta dal ragazzo, ma inevitabilmente le cose si complicano, no? Anche perchè anche Peter ha ricevuto una lettera dalla nostra cara Lara Jean...


E' un libro pieno di incertezze, sussurri, sospiri e paranoie mentali ed è forse per questo che è stato giudicato così adorabile e in effetti alla fin fine è carino, ma sinceramente non è il capolavoro che mi aspettavo. 
Io pensavo di trovarmi davanti a un libro che fa battere forte il cuore pur rimanendo casto e puro, invece il mio cuoricino non ha superato la soglia dei soliti battiti al minuto, ahimè.

Non fraintendetemi: mi sono goduta moltissimo la lettura di questo libro, la sorella Kitty è adorabile e da carattere all'intero romanzo, Peter è tenerelloso e si ha un risvolto inaspettato verso la fine, perchè contrariamente all'aria da "JOSH. JOSH. JOSH." delle prime pagine, la nostra Lara Jean finisce con qualcun altro, ma... Gne. Niente di che. Carino, ma non va sopra la soglia delle 3 stelline, se proprio dovessimo dare una valutazione, cosa che non faccio mai.

Una cosa molto positiva è che Lara Jean & Co. sono una famiglia che offre moltissimi spunti di riflessione sull'adolescenza e le sue "adorabili" paranoie: l'insicurezza, gli amici più spigliati, la sensazione di essere inadeguati a tutti gli altri, i primi amori, i conflitti stupidi con le persone che amiamo di più... Ottimi spunti insomma, in un libro particolarmente poetico c:

"Come faccio a capire ciò che è reale e ciò che non lo è? Ho l'impressione di essere l'unica a non capire la differenza."

Diciamo che consiglio il libro, si, ma con pretese non troppo alte c: 
Buon weekend a tutti!

#Rainy

15 commenti:

  1. Ciao, grazie per essere passata da me e come vedi ho ricambiato il favore.
    Un libro tenero e carino come l'hai definito tu che mi è piaciuto proprio perchè la storia sembrava portare in una direzione e invece ne ha presa un'altra. Mi piace quando non è tutto dato per scontato. A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido il tuo parere, anche se magari avrei preferito più "azione" se così si può parlare per un libro dolcioso eheh

      Elimina
  2. Oh! Mi piace tanto l'idea delle copertine francobollo! Davvero carina, complimenti!

    Questo libro ce l'ho e conto di leggerlo prestissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah grazie c:
      Te lo consiglio, come hai letto, solo se le tue pretese sono di media altezza (?)

      Elimina
  3. Nella sua semplicità è un libro che è riuscito a trasportarmi e a pelle mi ha preso subito, per questo sono stata più generosa con la valutazione. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. De gustibus appunto c: Il mondo è bello perchè è vario, no?

      Elimina
  4. A me è piaciuto anche per le paranoie di Lara Jean! XD Mi sono un po' rivista nel personaggio impacciato. Comunque credo che Josh, alla fine, sia abbastanza confuso dalla situazione, poverino...non ci capisce più nulla! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.s. Le cover a francobollo sono carinissime! ^^

      Elimina
    2. Oh, all'inizio io parteggiavo così tanto per Josh >.<
      Poi mi è scaduto un sacco...

      Grazie mille c: Sono molto semplici e veloci da fare le cover francobollose (?) ahah

      Elimina
  5. Io non sono rimasta delusa, forse perché conoscevo già l'autrice per la Summer Trilogy e per questo motivo non mi aspettavo un capolavoro, ma appunto un libro carino e piacevole, niente di più c:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non avevo mai letto nulla della Han e nonostante i miei progetti di iniziare la Summer Trilogy non ci sono mai riuscita, quindi in effetti questo era il suo primo libro che mi capitava tra le mani e forse anche per questo ne sono rimasta un po' delusa...

      Elimina
  6. Ciao! Ho letto il tuo commento sul mio blog, e ho pensato di venirti a fare visita :) Mi sono unita alle tue cerchie ;)

    RispondiElimina
  7. Ciao! Sono finalmente riuscita a leggere la tua recensione, e devo dire che mi trovo abbastanza d'accordo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Teniamo alte le nostre opinioni ahah

      Elimina

Mi farebbe davvero piacere sapere cosa ne pensate :3 Lasciatemi un commentino se vi va!