24 ottobre 2014

World is a Weird Place #2


La Dramione è una cosa bella, bellissima.

Sarà perché sono una fan sfegatata del rapporto odio/amore, nemici/amici, ragazza solare/ragazzo ombroso, ma questo pairing mi ha da sempre affascinato.

Ma dal momento che le cose belle sono destinate a finire, o peggio, ad essere brutalmente rovinate, anche in questo caso la fan fiction si sono dimostrate un’arma a doppio taglio.

Quindi, contrariamente a quello che il titolo potrebbe suggerire, sono qui per criticare aspramente (che è la cosa che più mi diletta, se non ve ne foste accorti) la snaturalizzazione di Draco Lucius Malfoy ed Hermione Jean Granger.

Prima di tutto, ci sono vari tipi di Dramione Brutte (che d’ora in poi chiamerò DB per comodità e perché sono estremamente pigra). Attenzione, però: all’interno delle suddette categorie si trovano, molto spesso, anche vere chicche, che mi hanno tenuta alzata ben oltre le due di notte, con i feelings che uscivano sotto forma di lacrime.

Questo è solo il primo di una serie di post in cui analizzerò il filo conduttore della fan fiction dramionesche, quindi mettetevi comodi.


1.       Sindrome di Stoccolma is the way.

Voldemort ha vinto la guerra. Eventualmente Harry e Ron sono morti, anche se non sempre. Hermione viene, in quanto Mezzosangue, venduta come schiava (perché questa cosa mi turba nel profondo?).

Per un caso fortuito (leggasi esigenze di regia), toh, viene venduta alla famiglia *rullo di tamburi* Malfoy.
 Oh, yess.

Qui la trama si biforca: o Narcissa si innamora perdutamente della ragazza, trovando in lei un’amica inseparabile e la fonte di redenzione per l’animo oscuro e corrotto del suo adorato figlio, oppure mantiene il freddo distacco (se non addirittura il disprezzo) tipico dei “Io sono Purosangue e tu no-o”.

Solitamente il povero Lucius muore, o comunque viene tirato in ballo solo per litigare con Draco/ con la moglie. Povero chicco, e lui che voleva solo fare da testimonial alla Garnier. *because you worth it. Swiish *

La costante, comunque, è che Draco Malfoy utilizza la degnissima signorina Granger per sollazzarsi, cosa che mi ha provocato ulteriore sconcerto in quanto, spesso,  siano inserite scene totalmente casuali di … intimità … che, in teoria, servirebbe a catturare l’attenzione del lettore.

O, nel mio caso, a fargli chiedere cos’abbia fatto di male nella vita.
Cosa ci sia di interessante in una povera ragazza alla quale viene rubata l'innocenza (il segreto sta tutto nel fatto che lei sia vergine, mi raccomando), proprio non lo so.

Su questo particolare punto vorrei soffermarmi: non sono una moralista, non è l’argomento in sé ad infastidirmi, ma quando queste scene sono ripetute, scabrose, squallide all’inverosimile, risultano solo ridicole.

E mi provocano un senso di nausea non indifferente.

Ma passiamo oltre.

I ricercatori Pampers, in una task force congiunta insieme a quelli della Colgate, hanno stimato che nell’ottanta per cento dei casi a Voldemort salti il trip di farli sposare.

Perché lui può.

Non riesce a farsi crescere il naso, la sua test potrebbe essere usata come palla da bowling, ha il colorito che assumo io dopo aver scoperto di aver sbagliato la scomposizione di Ruffini nella verifica di matematica, ma decide di far sposare Draco ed Hermione.

Scusate un attimo.

*Craggy si è momentaneamente chiusa in bagno a piangere sulla foto di Senso Logico, ormai da tempo defunto. Ci scusiamo per il disagio, riprenderemo subito dopo la funzione funebre*


*

Qui giace Logico Senso, persona di squisita personalità, sempre pronto ad infondere coraggio in blooggers frustrate. Strappato dai suoi cari a causa dello Squallore, rimarrà per sempre vivo nei cuori di chi lo ha amato.



*

Bene, dov’eravamo rimasti? Ah, sì.

Cavoli, avrei preferito non ricordarmene.

Dopo il felice giorno che, sporadicamente, vede in veste di testimone (anche la testimone vogliono questi) Ginny Weasley (perché il fatto che la sua best stia sposando un essere dalla molto dubbia moralità non la smuove di due protocentimetri), alla felice coppia viene data una nuova, entusiasmante notizia: Voldemort in persona ha ordinato che i due procreino.

Il burlone.

Ma non dovrebbe pensare ad uccidere persone, torturarne altre, avere una tresca amorosa con Nagini, insomma, cosa più produttive?

Ma no, per qualche strano motivo (spesso legato ad una profezia che neanche la Cooman) l’Oscuro et Onnipotente Signore del Male ha deciso che questi due sventurati debbano scodellare un pargolo.

Così. Giusto perché la fantasia è il potere più grande che abbiamo.

Dopo un’altra scena opinabile di cui mi rifiuto di parlare, Hermione sviluppa un’attrazione morbosa per il suo maritino, mentre Draco, da ora in poi, avrà una crisi di gelosia ogni tre minuti e diciannove secondi.

Oh, e un’altra cosa.

Ci sarà, durante l’atto, un monologo interiore del giovane rampollo che realizzerà di non aver mai provato quei sentimenti (che, date le svariate forme di torture fisiche e psicologiche perpetuate sulla Grifondoro fino a quel momento, dovrebbero essere di odio e disgusto) per nessuna delle altre ragazze con cui è andato a letto.

*facepalm*

Si scopre che Hermione è incinta (summo gaudio annuncio vobis: habemus un figlio dall’uomo che mi ha violentata, picchiata, insultata, umiliata, ridicolizzata, odiata più volte. Preferisci la bomboniera blu o verde, tesoro?), e il nostro simpatico Zio Voldy viene addirittura a felicitarsi.

Ah, scusate, non lo sapete ancora.

Ogni timore del tipo Tu-Sai-Chi-Ma-Era-Meglio-Se-Non-Lo-Sapevi, sparisce.

La nuova frontiera è Voldemort (ma non dovevano tremare tutti al solo sentire il suo nome? Sapete, tipo per i sette dannati libri), Quel Pazzo, Quel Criminale.

Pff, bazzecole.

Ma comunque.

Stacco nero, cambio di inquadratura.

Crisi di gelosia di Draco verso il portaombrelli appartenuti a Gaius Magnus Caesar Salad Malfoy (che poi, perché hanno tutti i nomi in latino? Voglio dire, sono inglesi. Uffi).

Stacco nero.

Durante la solita ed ormai clichè “ginnastica da camera” (piango patate), Hermione dice “Draco”.

Nel senso, non lo chiama Malfoy, Malferret (non esiste in italiano, lo sapete sì?), Maritino Dolce e Puro (coff coff) etc, bensì con il suo nome di battesimo.

Vi risparmio i vari “ommaigadh quanto suona bene il mio nome sulle labbra carnose e sensuali (ma ftw?) della Mezzosangue”, e rispondete a questo.

Perché diavolo essere chiamati per nome dovrebbe eccitare qualcuno in questo modo?

Voglio dire, quando qualcuno mi chiama Veronica al posto dei soliti idioti soprannomi, probabilmente mi stanno dicendo o che hanno cancellato la nuova stagione di Sherlock o che ho distrutto un progetto della NASA sedendomici sopra.

Dracuccio esce dal talamo nuziale sbattendosi dietro la porta, in preda ad una crisi esistenziale, che viaggia sulle note di “Non posso essermi innamorato della Mezzosangue perché io sono il bedboi della situazione e ora mia madre mi dirà che lei mi sta salvando ed io le dirò che non mi sono innamorato e lei dirà che la devo smettere di maltrattarla perché è in cinta (ve lo eravate scordati, eh?) e poi arriva Blaise che mi guarda male e mi dice che è innamorato alla follia della Weasley (*Harry piange in un angolo*)”.

E non scordiamo il punto fondamentale: Hermione è la sua Mezzosangue.

Donne, perché godere dei risultati per cui persone come le Suffragette hanno duramente lottato, quando puoi avere un nomignolo offensivo e più che vagamente razzista?

*facepalm*

Se prima Narcissa aveva un contegno, ora si prodiga in Cara, Tesoro, Gioia con Hermione, che aspetta suo nipote.

Il mistero rimane come mai Bellatrix non abbia ucciso lei, il pargolo, Draco ed il lattaio che passava di lì, vista la sua avversione ai Sangue Sporco.

Comunque.

Draco ha ancora qualche scatto d’ira, un po’ di gelosia, ma sua moglie è incinta madafaka (il fatto che nessuno dei due volesse alcun tipo di legame è totalmente trascurabile. E trascurato).

I due capiscono che si amano tanto tanto, amore ti proteggerò io (bat ueit: non la picchiavi un giorno sì e l'altro pure fino a due settimane fa?) e panoramica sul sole che sorge.

Frase simil poetica.

Asterisco.

Matrimonio (stavolta per amore, bitcheezz) dei due.

Sì, avete letto bene, asterisco.

Quel piccolo segno racchiude tutti gli eventi futili, tipo come diavolo Voldemort sia stato sconfitto, o perché Hermione non abbia denunciato quella specie di sfruttatore violento.

Vivono tutti felici e contenti, Hermione sforna qualche nuovo pargolo, Ginny e Blasie si sposano e fanno trecento figli (Harry, metti giù quelle forbici. Ho detto di metterle giù, dammi qui. Queste non hanno la punta abbastanza affilata, prendi le altre. Sì, ora puoi andarti a suicidare. Salutami Senso Logico, se lo incroci).

E niente, finita la fan fiction.

Ora scusate devo cercare un muro su cui sbattere la testa.
Craggy

6 ottobre 2014

World is a weird place #1

Buongiorno anime!
Vi informo che ho deciso di creare una rubrica tutta mia, dove trattare di tutte le cose magiche che turbano la mia esistenza.
Ma bando alle ciance, partiamo subito con il primo post.

Ed è con sommo piacere che vi presento *rullo di tamburi pleaseeee*

DALLE STELLE ALLE STALLE (OVVERO COME FAR SOLDI IN 5 SEMPLICI PASSI)

(premessa para***o: le opinioni seguenti sono, ovviamente, personali e motivate. Se non siete, d'accordo sarò ben felice di ascoltare le vostre ragioni, ma vi prego di non venirmi addosso. Grazie)

Ehi tu! Sì, proprio tu, quello che si sta chiedendo come farà a comprarsi l'AiFon 5Plus alla Mela Verde!
I tuoi ti hanno tagliato i fondi, eh? Ma non ti preoccupare!
Con questi pochi, semplici passi, potrai indurre giovani e facilmente emozionabili adolescenti a spendere i soldi della paghetta per il tuo libro!

N.1-personaggi originali e mai visti prima
Prendi due adolescenti problematici/ con una vita difficile.
Fatto? Bene.
Ora, siccome noi non vogliamo cadere nel banale, aggiungi ad una scarsa caratterizzazione anche una passione improbabile per dei sedicenni (aka filosofia, arte astratta post-futurista dell'Azerbaigian, psicologia che neanche Freud eccetera).
Molto bene, molto bene.
Ed ecco i due protagonisti, pronti per incontrarsi eccetera eccetera.

N.2- metafoche?
Visto che i sopracitati personaggi sono piccoli filosofi che Socrate potrebbe andare per campi a cogliere papaveri, va da sé che debbano essere inserite metafore assurde. Che entrambi i protagonisti abbiano sedici/diciassette anni è del tutto irrilevante. E al diavolo la laurea in Filosofia, io ho una sigaretta spenta in bocca bitcheeeezz.
N.B: in alternativa alla sigaretta, si può sempre ricorrere ad un bicchiere di piombo liquido sul comodino del letto. Bisogna avvicinarlo alla bocca, ma evitare assolutamente l'ingerimento. Altrimenti la metafora si rovina e il funerale arriva senza il cliffhanger e non va bene.

N.3- denuncia per vandalismo, io non ti temo!
Mi raccomando, non mancate di aggiungere una scena random in cui, a random, i protagonisti più un terzo amico (aka quello che copre i buchi narrativi se non avete idee) lanciano a random delle uova sulla macchina della fidanza dell'amico, che lo aveva lasciato.
Minacciando anche la madre di questa povera fanciulla, uscita per vedere chi fossero i disgraziati che stavano rovinando la carrozzeria. Ho già detto che questa scena è a random?
Ma hey! Se sei il protagonista non c'è ordinanza restrittiva che regga!

N.4- facciamo leva sui sentimenti della gente
Visto che questo libro sarà indirizzato principalmente ai gggiovani [Mi sento Yotobi insaid ndA], vuoi non mettere come trama l'amore tra due giovani malati di cancro, in modo da far sentire un mostro la persona a cui non piaccia?
Metà    Tre quarti    Tutte le ragazze che compreranno questo libro, lo faranno per dire ad altre amiche "Ma non capisci? Genoproffa e Augistulfo si amano nonostante le difficoltà della vita, perché l'amore vince su tutto!".
(Senza poi conoscere Romeo e Giulietta, tanto per citarne una).
Ma hey! Tu devi solo far soldi!

N.5- i cliffhanger sono una cosa bella
Mancano poche pagine alla fine del libro, ci sei quasi.
Devi scegliere chi far morire (perché si sa, un libro dove tutti sono felici e contenti alla fine non se lo fila nessuno. Che razzisti).
Uno dei genitori? Nah, li hai descritti solo a tratti, non farebbe colpo.
L'amico di prima? No povero chicco, che con tutte le sfighe che gli sono capitate non può anche morire.
L'amica caga****o che viene nominata tre volte in tutto il libro? No dai. E' l'amica caga****o nominata solo tre volte in tutto il libro.
La protagonista? Mmm, meglio di no. Se no poi chi ci fa la cronaca filosofiche della sua vita?
Chi rimane?
Ma ovvio: l'altro protagonista, il fidanzato di Genoproffa!
Eh sì, ti tocca far morire in modo lento e doloroso (letteralmente) il tizio sopravvissuto al cancro! E vuoi sapere come? Ma è così palese, sciocchino: di cancro!
Come dici? Non ha senso?
Ma i clienti non lo sanno! *ka-ching*

Bonus: nel caso fossi particolarmente ispirato, scrivi altri libri. Che verranno letti principalmente perché "Ommioddio Giovanni Verde è lo stesso autore di Cadono Coriandoli! Devo subito comprare tutti i suoi libri, in modo da potermi dare arie da letterata e scrivere su Feisbuc quanto abbia pianto quando Isagiulia muore!".

Ed eccoci, neo-scrittore, alla parte in cui stampi il tuo best-seller!
Ora siediti su una poltrona, bevi un sorso di whiskey (o the alla pesca, se sei minorenne. Gli alcolici sono severamente vietati ai minorenni. Ti devo proprio spiegare tutto), e aspetta che gli ABBA entrino dalla tua porta cantando "Mànnei Mànnei Mànnei".

-nel prossimo numero di World is a weird place: la Dramione è una cosa bella!- 







SPIEGAZIONI DOVUTE A TUTTA LA FOLLA CHE SI E' RADUNATA SOTTO CASA MIA E CHE GRIDA COSE DAVVERO SPIACEVOLI:
D'accordo, occhei.
Penso che si sia capito che sto parlando di Colpa delle stelle, il libro di John Green (vedi battutona sopra ics di) che ha fatto BOOM ovunque.
Cinema, libreria, emporio del formaggio di Cernobbio.
Io l'ho letto. Tutto. In due giorni.
E devo dire ch l'ho trovato a dir poco squallido.
FERMI! NON ACCENDETE ANCORA I FORCONI (?)
Io ho il massimo rispetto per le persone (ragazzi o adulti che siano) affette da cancro.
Posso solo augurare loro tutto il bene di questo mondo, e sono consapevole che non sarò mai in grado di capire appieno il loro dolore.
Ma tra questo e sfruttare la pietà umana per far soldi, oh se ne passa.
Hazel? L'avrei picchiata dopo tre pagine.
Augustus quello della fabbrica di cioccolato ? Povero chicco. E ho detto tutto.
Non scherzo, quest'estate TUTTI e dico TUTTI, leggevano. quel. maledetto. libro.
TUTTI.
Quando poi è uscito il film, la mia bacheca Facebook era divisa tra "Ommioddio ho appena visto CDS(non ho voglia di riscrivere il titolo c:)! Ho pianto un sacco!" e "Pff, avrei voluto entrare in sala con un cartello con scritto -Augustus muore-. Perché c'era nel libro. Io l'ho letto".
E, quando qualcuno (tipo me) provava a dire che ehm, non mi era piaciuto, orde di ragazze con le lacrime agli occhi urlavano "Sì, ma tu sei un essere senza cuore!" (testuali parole, non scherzo).
Quindi, dopo di ciò, venite pure a mettere una bomba di ormoni a mille nella mia scuola.
Mi pare che le mie ragioni siano sensate. Magari non vi trovate d'accordo, non sarò certo io ad imporvi le mie idee.
Penso solo che, dopo questa lunga e noiosa spiegazione, nessuno abbia i diritto di dirmi "Non ti piace perché non lo hai letto".

Craggy.
 P.S: Se siete in vena, Craggy è anche su Tumblr ( http://malfoy-do-it-better.tumblr.com/ )