20 giugno 2014

AAA: libri originali cercasi

Buongiorno c:
Qui è la vostra Rainy che vi parla, dal suo mondo di libri polverosi e muffa combattuta con ardore (?)
L'argomento di questa recensione è una serie di libri della quale sicuramente (?) avrete sentito parlare: Il bacio dell'angelo caduto & co. (altrimenti detta in inglese "Hush, Hush"), cominciamo quindi questa recensione... *affila i coltelli*

LA TRAMA... IN BREVE...
Premetto che i libri sono ben 4 (Il bacio dell'angelo caduto, Angeli nell'ombra, Sulle ali di un angelo e L'ultimo angelo. NB: i titoli così "angelosi" non fanno PER NIENTE capire di cosa si parlerà, no no...), quindi è difficile spiegare la trama in poche righe senza fare spoiler, ma in sostanza: una storia d'amore di quelle che ormai sono trite e ritrite nei libri GGGGiovani *yotobi denuncia per plagio* , di una good girl e un bad boy misterioso che in realtà è... *rullo di tamburi* Un angelo caduto.
Eh si, perchè la nostra sfigatona-in-realtà-strafiga Nora non si poteva innamorare del primo sfigatello suo compagno di classe, ma doveva andarsi a scegliere un tipo per colpa del quale rischierà ripetutamente di morire, ma ci guadagnerà l'immortalità... Ho fatto spoiler? Sorry.
Quiiiindi in 4 libri (di cui il secondo incentrato SOLO sulla loro storia d'amore in crisi .-.) questa ex-good girl si trasformerà in una pantera conquistatrice che con regolarità: 1) descriverà il suo bel giovine, Patch; 2) dichiarerà quanto egli la faccia "accendere, e bollire dentro di sè" (cit... O quasi, ma il significato è quello); 3) verrà scossa da clichè esistenziali, come l' "originalissimo" litigio con la migliore amica e il triangolo, che se non c'è non si vede.
Il primo libro sarà dedicato alla reciproca conoscenza di Nora e Patch, che rispettivamente scoprono quanto lui si strafigo e lei una sempliciotta molto idiota.
Il secondo, come già detto, al loro primo litigio e a tutte le paranoie di Nora su esso, aiutando il lettore a capire quanto quella pirla sia stalker, asfissiante, assillante e opprimente (chiaro no?).
Il terzo è un casino: finisce di merda, accade di tutto e di più e la storia d'amore viene lasciata da parte per continui episodi di azione e investigazione.
Nel quarto libro si rimette tutto a posto, vivono tutti felici e contenti e tante caramelle per tutti (?).

COSA NON MI E' PIACIUTO
NORA. NORA. NORA. NORA. Difficilmente ho trovato un personaggio che mi stesse più antipatico. E' un misto di Clary (Shadowhunter) e Tris (Divergent), che già non brillavano per furbizia o simpatia. Lei è peggio. Una stalker ossessiva e paranoica, perennemente eccitata e che fa pensieri su Patch che è meglio non siano scritti nel libro. Oltretutto sembra una 14nne quando invece dovrebbe avere ben 17/18 anni ed è un particolare mix di stupidità e deficienza. E' un personaggio costruito sui cadaveri di quelli di serie di successo: niente padre, famiglia (*spoiler* >) che si scopre non essere la sua, costretta a uccidere, perdita di memoria, strappata dalla sua piccola realtà per un mondo tutto nuovo e pericolosissimo, da timida ragazza a spacca-culi furiosa in poco tempo, straordinari talenti (?), pensieri fissi, costanti e noiosi (Patch, Patch, Patch, Patch...), bruttina nel 1o libro, ma strafiga negli altri, faida con la compagna di scuola... Il solito insomma, il solito noiosissimo solito.
CLICHE'. Nei vari libri sono sparsi numerosi clichè-clichè o clichè narrativi, un esempio? Per i clichè-clichè c'è un interessantissimo passaggio sugli italiani, nell'ultimo libro, di cui i contenuti sono (circa): "Gli italiani, ah! Mafiosi siciliani! Tutti loschi! Ci stanno invadendo, insomma! Non dovremmo affittare ville a mafiosi che non si sa cosa facciano con le stanze in affitto, ma di sicuro qualcosa di losco." ...Carino, no? Per i clichè narrativi bastano 4 parole: litigio con la madre.
LA TRAMA IN GENERALE. Purtroppo è così: una trama costruita bene, non c'è che dire, ma poco interessante (almeno per me), scialba e maledettamente BANALE. Alla lunga il personaggio di Nora è persino fastidioso, anche se a volte fa delle cose giuste, bisogna dirlo.

COSA MI E' PIACIUTO.
PATCH. Lui è un figo. In tutti i sensi. Però in realtà anche questo è un clichè, perchè capita spesso che il "lui" sia un figo e "lei" patetica... E questa serie non fa eccezione. Lui tiene testa a lei meravigliosamente, fa battute, se ne frega di tutto e di tutti... Il classico bad boy che diventa, ahimè, smielato nel corso dei libri e si rivela un panda dolcioso che stravede per Nora... Un po' come Travis di Uno splendido disastro (non uccidetemi...).
LA SCORREVOLEZZA. Sembrerà una cosa idiota, ma non lo è. I libri sono molto scorrevoli e facili da leggere. Proprio la lettura "di svago" che non fa mai male ogni tanto. Se avete un po' di tempo libero e la vostra biblioteca di fiducia li ha (non val la pena comprarli .-.) leggeteli, tanto non sono nè troppo lunghi nè impegnativi... E poi potete tornare a Tolstoj o Manzoni.
VEE/SCOTT. Sono rispettivamente la migliore amica di Nora e un Nephilim (spoiler di nuovo, ma non è niente di che...) che sono la dolcezza. Sono veramente adorabili e simpaticissimi. Vee in particolare ha sempre la battuta pronta e Scott è quasi al pari di Patch per figaggine. *sospiro adorante* Insieme sono l'ammmmmore *-*

VOTO FINALE: 6/10 a malapena .-.

Il parere-complessivo-finale-ecc. non serve, perchè direi che è chiaro quello che penso ">.<
Quindi passiamo direttamente al commiato (?): voi l'avete letto? Si? No? Lasciate un bel commentino qua sotto e ditemi cosa ne pensate, ricordando che la liberà di opinione e pensiero è un fondamento della società...
Avete qualche libro da consigliarmi? Lasciate perdere le classiche saghe tipo Fallen, Hunger Games, Harry Potter, Shadowhunter, Divergent, Percy Jackson ecc. perchè le ho già divorate da tempo ">3>
Grazie se siete arrivati/e fin qui a leggere, bye bye c:

#Rainy

4 giugno 2014

News #1



Hi meeeeeeen (?)
Qui è la vostra Raggy (yep, Craggy e Rainy tugheder) che vi presenta la prima news del nostro blog, tutta in stile nippo-maniac *^* (si, siamo due convinte filonipponiche)
Di cosa tratteremo in questo bello spazietto? Di particolari cambiamenti apocalittico-estremo-definitivi (?) che riguardano il nostro blogghino :3
Allora, l'argomento del giorno è la collaborazione coooooon.... Il peggio di EFP, la celeberrima pagina di Facebook dove si pubblicano le ficcy-disagio più disagiose di EFP, nostro capo d'azione c:
Per farla mooolto breve, da un'idea di Craggy è nata questa "collaborazione", in cui l'amministratrice della pagina, Sasha, a volte ci manderà delle recensioni di ficcy-disagio come solo lei ne sa trovare e scrivere *-*
Direi che è una bella cosa c:

PS: Va notato che a noi questa cosuccia da tanti vantaggi, a lei quasi nessuno a parte un piccolo angolo di divertimento, quindi va' detto che è stata proprio gentile ad accettare :3 Orsù, frotte di fan (?), ringraziatela adeguatamente u.u

Detto ciò vi lascio il link della sua pagina facebook, anche se la conoscete già, ci scommetto...
Saluti a tutti, vi auguriamo ciambelline, panda, manga e tutto ciò che vi viene in mente che sia nipponico come questa news (?) ^3^
Byeeee,
# Raggy

>>
https://www.facebook.com/ilpeggiodiefp?fref=ts

3 giugno 2014

Cappuccetto RossoSangue


Titolo: Mi chiamo Amalia! Amalia, non cappuccetto Rosso!

Autore: Dodicisofficisoffidivento

Rating: Verde

Frase clou: “Tesoro, come è andata dalla nonna?”
“Bene, mamma, come al solito. Abbiamo guardato la tv ad un volume assordante e mi ha rimpinzata di torta."

Trama: Una spassosissima rivisitazione della solita fiaba di Cappuccetto Rosso, ambientata nei tempi moderni.

 “Cappuccetto Rosso?”
“Mamma! Smettila di chiamarmi con quello stupido soprannome!”
“Ma perché, cara? È così carino…”
“Era carino quando avevo cinque anni, forse, mamma. Ora è solo imbarazzante!”
“Va bene, va bene. Allora, Amalia, potresti farmi un favore?” chiese la mamma, dando una particolare intonazione al suo nome.
”Che c’è?”
“Potresti portare queste pillole per il diabete a tua nonna?”
“Oh, mamma, ma oggi dovevo uscire… non te lo ricordi?”




A guardarla, Cappuccetto sarebbe sembrata una poco di buono: capelli neri e lisci con meches verdi, piercing al naso, l’immancabile giacca rossa con le borchie.


Una paura la invase quando si rese conto che la serratura era stata forzata. Sbirciò dallo spiraglio e subito si ritrasse, avendo visto un uomo vestito di nero frugare nei cassetti del soggiorno. Prese il cellulare e chiamò la polizia che fu lì in un batter d’occhio.

La mia opinione:

Di rivisitazioni Cappuccettorossesche ne ho viste e lette davvero a palate, ma questa le batte tutte. Forse è il fatto che arrivata al punto in cui arriva la polizia stavo rotolando dal ridere, ma devo dire che faccio davvero i miei più sentiti complimenti all’autrice (che per altro è stata davvero disponibile con me).

Che dire, se bazzicate Efp vi invito a leggere questo gioiellino e, se avete voglia, a lasciare una recensione.

Vi mando tanti cari saluti,

un bacione alla mamma,

California eee … alla prossima recensione!

Voto finale: 10/10, meritatissimo

Craggy